Africa del futuro, tra democrazia e sviluppo

Dibattiti - Edizione 2013

Guarda il video

  • 11/04/2013, ore 18:00
  • Teatro Carignano
  • Alberto Vaquina, Bienvenu Okiemy, Giuseppe Recchi, Manuel Vicente, Piero Fassino, Pietro Veronese, Romano Prodi

Negli ultimi dieci anni il continente africano – in particolare l’Africa sub-sahariana – ha subìto una profonda evoluzione economica, politica e sociale: per lungo tempo ai margini della comunitĂ  internazionale, il continente sta diventando oggi carrefour fondamentale delle politiche di globalizzazione e interdipendenza. Assieme allo sviluppo politico ed economico, si è assistito a una grande evoluzione democratica: la relazione fra crescita, sviluppo economico e democrazia continua a essere cruciale per il mantenimento della pace e del benessere nel mondo. Un dialogo con autorevoli rappresentanti delle istituzioni africane.

Al di là dell’umano. Tra animali e postumani

Dibattiti - Edizione 2015

Guarda il video

  • 26/03/2015, ore 21:30
  • Circolo dei Lettori Sala grande
  • Carmen Dell’Aversano, Federico Zappino, Felice Cimatti, Francesco Remotti

Il capitalismo finanziario, gli investimenti biotecnologici, la rivoluzione digitale. I mutamenti strutturali che tutti questi elementi sortiscono sulle dinamiche della vita – psichica e corporea, individuale e collettiva – spingono costantemente l’“umano” al di lĂ  delle sue soglie – il “postumano” – ed esortano a un ripensamento del suo statuto, della sua relazione con gli animali non-umani e con l’ecosistema, anche alla luce della crisi ecologica e degli inediti processi di human divide.

Alla luce del sole. La natura della corruzione del congresso USA

Discorsi della Biennale - Edizione 2011

Guarda il video

  • 16/04/2011, ore 16:30
  • Teatro Carignano
  • Juan Carlos De Martin, Lawrence Lessig

E’ possibile una rinascita della democrazia negli Stati Uniti? E come i cittadini possono impedire ai “ricchi” le ingerenze nella politica, che condizionano inevitabilmente le scelte della classe dirigente? Lawrence Lessig, fondatore di Creative Commons, ne discute con Juan Carlos De Martin, co-fondatore del Centro Nexa su Internet e SocietĂ  del Politecnico di Torino.

Ambiente, Costituzione, Democrazia

Dialoghi - Edizione 2013

Guarda il video

  • 14/04/2013, ore 11:00
  • Teatro Carignano
  • Gustavo Zagrebelsky, Salvatore Settis

La tutela del patrimonio artistico e paesaggistico non è una questione minore”, ma uno degli impegni piĂą solenni che si assume il potere pubblico, come prescrive un principio fondamentale della Costituzione italiana. Una riflessione a due voci sulla centralitĂ  che il tema della difesa e valorizzazione dell’ambiente e dell’arte, contro speculazione e interessi privati, possiede per la qualitĂ  della democrazia del nostro Paese. A difesa del valore della cultura, irrinunciabile in una societĂ  che si vuole libera e democratica.

Architettura e democrazia – lectio magistralis di Rem Koolhaas

Discorsi della Biennale - Edizione 2011

Guarda il video

  • 15/04/2011, ore 18:30
  • Teatro Carignano
  • Carlo Novarino, Guido Montanari, Manfredo Di Robilant, Rem Koolhaas

Rem Koolhaas, uno dei piĂą noti architetti sulla scena internazionale, racconta la storia dell’architettura partendo da “Utopia” di Tommaso Moro e arrivando fino ai giorni nostri. Una disciplina che sta modificando sempre piĂą i suoi paradigmi, soprattutto in conseguenza allo svilippo dell’economia di mercato, che ha influito in modo radicale sullo sviluppo architettonico delle cittĂ .

Chiamiamo terrorismo quel che non ci piace?

Discorsi della Biennale - Edizione 2015

Guarda il video

  • 28/03/2015, ore 18:30
  • Circolo dei Lettori Sala grande
  • Luigi Bonanate, Luigi La Spina

Ragioni storiche hanno fatto sì che l’Occidente si sia sviluppato prima e sia prevalso sul resto del mondo. Ma a un certo punto le differenze si sono attenuate e le distanze socio-culturali ridotte. Di certo, però, non su come debba essere organizzato uno Stato: l’idea di autogoverno che l’Occidente ha sempre propugnato nasce proprio dalla constatazione che gli stessi principi non valgono per tutti. Le ragioni delle incomprensioni fra culture possono essere attribuite alla presunta superiorità della civiltà occidentale?