D’autore. Uno sguardo dall’India. Il caos prossimo venturo

D'autore - Edizione 2009

Guarda il video

  • 25/04/2009, ore 18:30
  • Teatro Gobetti
  • Andrea Berrini, Prem Shankar Jha

L’emergere simultaneo di nuovi Paesi che cercano di consolidare la propria identità nazionale attorno ai vecchi stati-nazione e che si oppongono all’idea di un mondo globalizzato potrebbe essere la causa di una lunga stagione di disordine sociale e disequilibrio economico motivato dall’intenzione di alcuni di affermare la supremazia della propria nazionalità sugli altri. Quali soluzioni? L’analisi di un grande economista indiano

Europa tra crescita e rigore fiscale

Dialoghi - Edizione 2015

Guarda il video

  • 29/03/2015, ore 11:30
  • Teatro Gobetti
  • Lucrezia Reichlin, Pietro Garibaldi

Una moneta unica senza un’autorità federale di bilancio ha bisogno di regole che disciplinino la spesa dei governi degli Stati membri. Queste regole, stabilite dal Trattato, si sono rivelate inadeguate durante la grande crisi: eccessiva disciplina ex-ante e mancanza di credibilità ex-post. Dal 2010 in poi, con l’inizio della crisi del debito, abbiamo vissuto una difficile evoluzione del governo della moneta unica. L’incertezza che l’ha accompagnata è alla causa della stagnazione delle economie dell’Euro. Oggi siamo forse a una svolta che vede un maggiore ruolo della Banca Centrale Europea e una maggiore flessibilità nelle regole di bilancio. È sufficiente a promuovere la crescita e a garantire la stabilità finanziaria? No.

I confini del mercato

Dialoghi - Edizione 2015

Guarda il video

  • 28/03/2015, ore 10:30
  • Cavallerizza Reale
  • Colin Crouch, Elena Granaglia, Nicolò Fraccaroli

L’attuale crisi economica ha mostrato le debolezze del sistema economico e sociale in cui viviamo. Tale sistema, nato a sua volta come soluzione a una crisi e fondato sulla sintesi neoclassica degli anni ‘70, si basa su una riduzione progressiva del ruolo dello Stato e affida sfere crescenti della vita sociale all’auto-regolamentazione del mercato. Ma quest’ultimo secondo quali regole, norme e valori si auto-regolamenta? Quante diseguaglianze, quanto capitalismo può sopportare la nostra società?

Il lavoro ai tempi del finanzcapitalismo

Dialoghi - Edizione 2013

Guarda il video

  • 12/04/2013, ore 10:30
  • Teatro Carignano
  • Ezio Mauro, Luciano Gallino

La crisi economica ha reso evidente il problema della mancanza di lavoro e i rischi per la tenuta sociale che essa porta con sé. Un dialogo che affronta il nesso fra democrazia e lavoro, prendendo in esame le origini materiali e ideologiche delle trasformazioni economiche che investono il mondo e il loro riverbero nel sistema delle relazioni politiche e sociali, fra individualismo ed esclusione. Due sguardi alla ricerca di possibili soluzioni ai problemi più drammatici del nostro tempo.

Inaugurazione 2011

Discorsi della Biennale - Edizione 2011

Guarda il video

  • 13/04/2011, ore 15:00
  • Teatro Carignano
  • Giorgio Napolitano, Gustavo Zagrebelsky, Mario Draghi, Sergio Chiamparino

La crisi economica scoppiata nel 2009 ha posto in evidenza la necessità di nuove e più efficaci forme di regolazione internazionale dell’economia e della finanza. Anche l’Unione europea ha bisogno di una struttura di governo migliore. Simili innovazioni nel sistema di governance sovranazionale sollevano però il problema del deficit democratico: come conciliare l’esigenza di creare istituzioni internazionali con il diritto dei cittadini di partecipare alle decisioni collettive? Un problema a cui dare risposta, nella convinzione che la chiusura nei confini nazionali sia una strada ormai superata.

Inaugurazione 2013

Discorsi della Biennale - Edizione 2013

Guarda il video

  • 10/04/2013, ore 21:00
  • Teatro Regio
  • Gustavo Zagrebelsky, Laura Boldrini, Piero Fassino

Le radici della democrazia sono nel riconoscimento della dignità della persona: la riaffermazione delle ragioni che stanno alla base della nostra Repubblica è il cuore del discorso inaugurale della presidente Boldrini. Di fronte alla crisi economica e sociale, una difesa del valore dell’eguaglianza e della partecipazione politica, in Italia e nel mondo, guardando ai possibili cambiamenti positivi e ai rischi di regressioni antidemocratiche nel rapporto fra cittadini e istituzioni nazionali e internazionali.