Discorsi della Biennale. I nuovi poteri criminali. Spazi e forme del mercato della violenza

Discorsi della Biennale - Edizione 2011

Guarda il video

  • 15/04/2011, ore 10:30
  • Circolo dei Lettori Sala Grande
  • Fabio Armao

Le organizzazioni criminali sono importanti attori illegali sulla scena economico-politica mondiale, soprattutto dopo il 1989: conoscerne la genesi, i codici, le forme di diffusione, le caratteristiche comuni e le specificità è la condizione per poterle combattere più efficacemente. Fabio Armao offre un percorso guidato nella storia e geografia delle mafie, dalla Sicilia alla messicana Ciudad Juárez, inquadrandolo nel contesto dei fenomeni di globalizzazione dell’economia contemporanea.

Discorsi della Biennale. Nazione, stato, mondo: un cammino incompiuto.

Discorsi della Biennale - Edizione 2011

Guarda il video

  • 17/04/2011, ore 11:00
  • Palazzo Madama
  • Franco Sbarberi, Luigi Bonanate

La democrazia deve essere l’ideale regolativo non solo dell’organizzazione interna degli stati, ma anche dei rapporti fra gli stati medesimi: questa è la tesi che Luigi Bonanate sviluppa a partire da una riflessione sui concetti di nazione e stato. Un’apologia del pacifismo democratico alla luce della storia delle relazioni internazionali e dell’attualità delle crisi che scuotono il mondo contemporaneo.

Discorsi della Biennale. Terzo settore e cultura del dono

Discorsi della Biennale - Edizione 2011

Guarda il video

  • 14/04/2011, ore
  • Palazzo Madama
  • Giuseppe Guzzetti, Gustavo Zagrebelsky, Pietro Raitano

Fra lo Stato e il mercato si muove il Terzo settore: il “privato sociale” impegnato nell’organizzazione e nella gestione di attività di solidarietà in Italia e all’estero. Il presidente della Fondazione Cariplo Giovanni Guzzetti ne prende in esame origini, sviluppi e funzioni attualmente ricoperte nella realtà italiana, mettendone in evidenza il ruolo di attore fondamentale del sistema del welfare contemporaneo e di veicolo di impegno sociale e partecipazione democratica dei cittadini.

Disuguaglianze globali e distribuzione del reddito (Ita)

Discorsi della Biennale - Edizione 2019

Guarda il video

  • 30/03/2019, ore 11:30
  • Auditorium Grattacielo Intesa Sanpaolo
  • Branko Milanović, Giovanna Paladino

A partire dal 1988, la globalizzazione ha generato la più massiccia redistribuzione di ricchezza dai tempi della rivoluzione industriale. Le economie asiatiche emergenti sono tra quelle che hanno maggiormente beneficiato delle trasformazioni in atto. I perdenti sono da ricercare nelle classi medie dei Paesi appartenenti all’Ocse. Indiscusso vincitore in termini globali è l’1% più ricco della popolazione. Quali ricadute ha l’eclissi della classe media sulla sostenibilità del capitalismo democratico? Come evitare che i timori per la crescente disuguaglianza interna si trasformino in populismo e xenofobia? Come contrastare lo strapotere dell’1%?

Disuguaglianze globali e distribuzione del reddito (lingua originale)

Discorsi della Biennale - Edizione 2019

Guarda il video

  • 30/03/2019, ore 11:30
  • Auditorium Grattacielo Intesa Sanpaolo
  • Branko Milanović, Giovanna Paladino

A partire dal 1988, la globalizzazione ha generato la più massiccia redistribuzione di ricchezza dai tempi della rivoluzione industriale. Le economie asiatiche emergenti sono tra quelle che hanno maggiormente beneficiato delle trasformazioni in atto. I perdenti sono da ricercare nelle classi medie dei Paesi appartenenti all’Ocse. Indiscusso vincitore in termini globali è l’1% più ricco della popolazione. Quali ricadute ha l’eclissi della classe media sulla sostenibilità del capitalismo democratico? Come evitare che i timori per la crescente disuguaglianza interna si trasformino in populismo e xenofobia? Come contrastare lo strapotere dell’1%?

D’autore. Il futuro del capitalismo

D'autore - Edizione 2013

Guarda il video

  • 14/04/2013, ore 18:00
  • Teatro Gobetti
  • Luigi Zingales, Pietro Garibaldi

Perché è importante che un sistema capitalistico sia anche democratico? E quali misure occorrerebbe adottare per risolvere la crisi economica odierna? Ne discutono due economisti, Luigi Zingales e Pietro Garibaldi.