Siamo pronti per il futuro dell’intelligenza artificiale?

Dialoghi - Edizione 2017

Guarda il video

  • 01/04/2017, ore 18:00
  • Circolo dei Lettori Sala Grande
  • Gabriele Beccaria, Marc Mézard, Riccardo Zecchina

I progressi più significativi nel campo del machine learning e della data science e le prossime sfide attese per l’intelligenza artificiale: come affrontare le grandi opportunità di cambiamento socio-economico che si prefigurano e i possibili rischi connessi?

Tra oblio e anonimato

Dibattiti - Edizione 2019

Guarda il video

  • 29/03/2019, ore 11:00
  • Polo del '900
  • Amedeo Santosuosso, Annibale Biggeri, Matteo Monti, Roberto Cippitani

Le biobanche – database per la raccolta e la conservazione di materiale biologico – hanno assunto importanza crescente nella ricerca biomedica. Ma sono tante le questioni etiche ancora da affrontare, soprattutto in relazione alla salvaguardia dei diritti dei donatori. Quali rischi comporta la possibilità di ricostruire il profilo genetico delle persone? E quali opportunità? La risposta a queste domande chiama in causa il diritto alla privacy e all’oblio.

Un pianeta, molte visioni

D'autore - Edizione 2021

Guarda il video

  • 08/10/2021, ore 18:30
  • CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia
  • Andrea Galvani, Walter Guadagnini

Andrea Galvani ripercorre le tappe salienti del suo percorso artistico caratterizzato da una commistione fra arte e scienza che si traduce nell’impiego di differenti strumenti e linguaggi attraverso cui registrare esperienze, tentativi e fallimenti. Con azioni concrete all’interno dei luoghi in cui opera, come l’inserimento di elementi che impediscono la vista, che riflettono o che trasfigurano i soggetti, l’artista crea delle fratture con la situazione preesistente innescando dei meccanismi in grado di moltiplicare i livelli di lettura sul mondo, ridefinendo i limiti della nostra percezione.

Vietato sbagliare? Come si decide in medicina d’urgenza

Dibattiti - Edizione 2017

Guarda il video

  • 02/04/2017, ore 18:00
  • Accademia delle Scienze
  • Fabrizio Elia, Franco Aprà, Vincenzo Crupi

Le comuni credenze sulla medicina d’urgenza alternano entusiasmi fideistici a denigrazioni populistiche, immaginando una realtà dove è vietato sbagliare. Comprendere come ragionano medici e infermieri consentirebbe di sfatare alcuni luoghi comuni sul funzionamento della mente umana. In medicina, il patrimonio di conoscenze in materia deve essere impiegato per prendere decisioni “buone”, ma anche per migliorare le relazioni umane. È auspicabile immaginare un uso democratico di queste conoscenze per ottenere relazioni e comportamenti positivi, necessari nell’ambito delle attività mediche come nella vita sociale.